DOPO 24 ANNI...CALA IL SIPARIO!

DOPO 24 ANNI...CALA IL SIPARIO!

Io non seguo le mode, perchè sono fuori moda dal 1988. Perchè se seguissi le mode ti avrei abbandonato da una vita. Perchè se seguissi le mode, oggi forse accenderei un grande fuoco, che si spegnerebbe appena la moda è passata. E invece io sono il fuoco che cova sotto la cenere... Anche se non mi vedi io ci sono e ci sarò sempre e il mio cuore batte solo per te.
Io non seguo le mode perchè dal 1988 sostengo un simbolo il Falco e un ideale la Casertanità. Io non seguo le mode perchè dopo tanti anni mi guardo intorno in curva e vedo al mio fianco, sempre le stesse facce. Vecchi, fieri e CRIPS!
LE MODE PASSANO, I GRUPPI SI SCIOLGONO, SOLO GLI IDEALI NON MUOIONO MAI...

23 set 2008

Caserta e Cassino

Se da un lato la decisione di DISERTARE è stata tanto amara quanto doverosa, dall’altro, per chi vive ultras, la domenica “senza i gradoni” è davvero dura da trascorrere. Per evitare crisi di astinenza, abbiamo deciso di andare a Cassino per “rispolverare” una delle amicizie più antiche della curva casertana, ma MAI avremmo pensato e creduto di ricevere un'accoglienza simile. Sin dalla mattinata a ben oltre la fine della partita, un mix crescente di fratellanza, abbracci, racconti di trasferte, aneddoti di "curva", birra, vino, ottimo cibo, tifo e tanta mentalità ultras.
Una domenica che ha scolpito indelebilmente nelle nostre menti, gli sguardi e le parole di chi ha diviso con noi questa giornata.
In un mondo, il nostro mondo ultras, sempre più bistrattato e quotidianamente messo a dura prova da leggi, diffide e repressione, vedere, oggi, ultras di Cassino, Caserta, Avezzano e Venafro insieme nello stesso settore, è sicuramente la risposta migliore a chi ci vorrebbe comodamente seduti in salotto con la pay tv o come unici imputati di tutti i mali di un calcio che, ahinoi, non è più quello che tutti portiamo nel cuore.
Ancora grazie ai Vecchi Fedayn e ai Fedayn "Squeti" (… che sono proprio Squeti!) per la spendida e fraterna accoglienza.

22 commenti:

Davide ha detto...

Il post è un doveroso omaggio a chi ci ha accolti da veri FRATELLI.
Ci vediamo alla prossima.

Anonimo ha detto...

RICORDO CON PIACERE I FEDAYN CASSINO IN PARTICOLARE IL KOYOTE SOPRATTUTTO NEGLI ANNI 80 QUANDO ERANO SEMPRE AL FIANCO DEGLI FB CASERTA IN CASA E IN TRASFERTA, CON IL LORO IMMANCABILE STRISCIONE FEDAYN!
MI FA PIACERE CHE AVETE RISPOLVERATO UNA VECCHIA AMICIZIA,VISTO L`IMPOSSIBILITA` DI INCONTRARCI IN GARE UFFICIALI, VISTO IL DECLINO VERGOGNOSO DELLA NOSTRA CASERTANA!
SPARACO VATTENE!
LA VOSTRA ECCELLENZA...NON MERITA LA NOSTRA PRESENZA!
ANTONIO

dimissionario ha detto...

Sto ancora tutto scellato!

Anonimo ha detto...

Cmq se Sparaco vuole vincere il campionato che compri il numero 8 e 10 del Cassino...dei fenomeni!!!!

Parafrasando una vecchia canzone dei Litfiba la giornata la si può racchiudere in una parola...IL MIO CORPO CHE CAMBIA....ma la passione no!!!

Auguri al Cassino!!

Peppe

humbo ha detto...

BELLA STORIA QUELLA DI CASSINO MAGARI LA PROSSIMA CI ORGANIZZIAMO E ANDIAMO TUTTI INSIEME..!!
..IL COYOTE??UNO DI NOI!

LA VOSTRA ECCELLENZA NON MERITA LA NS PRESENZA!

SPARACO VATTENE!

FUORI DAL CORO E BASTA!

Anonimo ha detto...

Le fattorie di nonno Peppe????
Ma perchè no le...Tagliatelle di nonna Pia????
Ormai siamo una continua barzelletta...

PAOLO dei FEADYN 1977 ha detto...

Mi perdoneranno gli amici di Caserta se ho tardato un pò nello scrivere.
Oltre tutte le parole mille volte dette e già scritte resta l'emozione di una giornata stupenda passata in nome di un vecchio legame con amici nuovi. Rinnovo il mio particolare "grazie" agli amici di Caserta presenti a Cassino, il mio augurio è vedervi presto in palcoscenici migliori anche del nostro, perchè Caserta città e il popolo rossoblu non meritano certe mortificazioni.
Grazie ancora.
Paolo FEDAYN CASSINO dal 1977

Davide ha detto...

Alcune considerazioni:

1) Ma veramente il nuovo sponsor si chiama "Le fattorie di nonno Peppe"?
Peccato, io speravo "Le cantine di zio Totonno u'mbriacone"!

2) Ho comprato il libro "11 novembre 2007 l'uccisione di Gabriele Sandri una giornata buia della Repubblica" (euro 11,00), davvero ben scritto e ricco di particolari sconosciuti.
Ve lo consiglio.

3) Grazie a te Paolè, ci rivediamo a Cassino.

4) Domenica il presidente del Real Marcianise ha negato l'accesso allo stadio ad un fotografo di Fan's Magazine ... senza parole!

M.P. sancarlino neoborbonico ha detto...

Si e' reso conto della figuraccia che avrebbe fatto fare ai suoi supporters, certo e' che e' proprio una vergogna 750 presenze compreso i 100 del gruppo "zuffa" (pane a chi non ha i denti).
Anche se non ero li con voi un saluto affettuoso ai ragazzi di Cassino veri amici.
Fatelo presente la prox volta che organizzate, io non sapevo niente e non mi e' sembrato corretto.
Crips 1988

Davide ha detto...

Manoapala, non si tratta di correttezza, l'sms di invito non avrà fatto il "giro completo", tutto qui. Sapessi quante volte ai miei sms non risponde nessuno ...:)

Comunque ritieniti già in macchina con me per la prossima!!
Un abbraccio.

Anonimo ha detto...

FORZA PRESIDENTE!DOPO LE FATTORIE DI NONNO PEPPE...REGALACI LE TAGLIATELLE DI NONNA PIA!
SIETE SEMPRE PIU`RIDICOLI!
VOI NON SIETE LA CASERTANA...METTETEVELO IN TESTA!
DISERTA!

Anonimo ha detto...

M.P. sapessi quanto più bello sarebbe se la domenica i cosidetti Casertani, quelli che difendono la città se ne stessero a casa loro, così invece di 750 paganti ne sarebbero 300 - 400 il pubblico giusto per una serie c1

Inizia a darmi sui nervi la colpa del campo, il nostro campo, me qualcuno li ha invitati??


Un salutone a tutti

Peppe da San Felice a Cancello

Anonimo ha detto...

il prossimo anno sponsor di abbigliamento: " a mutanda nzvata e zi michel!"
Caserta vi insemina

Anonimo ha detto...

Cmq segnalo il sito per chi volesse saperne di più
www.nonnopeppe.com/home

Peppe da San Felice

humbo ha detto...

La Nostra Passione
La Nostra Fede
La NOSTRA CASERTANA

Scambiata per un biglietto pubblicitario o per un'appalto di merda..VOI NON SIETE LA CASERTANA

SPARACI VATTENE

LA VOSTRA ECCELLENZA NON MERITA LA NOSTRA PRESENZA

OGGI UN'ALTRA FIGURA DI MERDA OVVIAMENTE NON E' IL PAREGGIO CON IL GIUGLIANO MA I 70 STRUNZ CHE SONO ANDATI LI PER L'ENNESIMA FIGURA DI MERDA!

DISERTA DISERTA E DISERTA!

mex ha detto...

Stadio vuoto!!! ZERO Spettatori, per dimostrare a tutti che i tifosi casertani non stanno piu' a questo gioco al massacro!!! Ma purtroppo e' solo un sogno, perche' i casertani non hanno le PALLE di fare nemmeno questo...la dimostrazione?? I 50 fessi presenti ieri a giugliano (tra cui alcuni pseudo-ultrà)!! CASERTA SVEGLIA!!! AMARE VUOL DIRE ANCHE DISERTARE!!!

Davide ha detto...

Firenze - E' difficile ripartire, fare finta di avere una vita normale dopo una tragedia che ti sconvolge dentro, soprattutto se pensi che un'altra persona non c'è più per una ragione che, in qualche misura, dipende da te. L'agente di polizia Luigi Spaccarotella, l'uomo che sparò quel colpo di pistola che l'anno scorso uccise Gabriele Sandri in un'area di servizio nei pressi di Arezzo, prova a ripartire chiedendo perdono ai familiari di Gabriele: "Chiedo perdono. Ma non trovo le parole. Ho ucciso il loro figlio: dire che mi dispiace, che non volevo, non può essere sufficiente. Vorrei incontrarli, anche se so che non sarebbe facile".

Quel maledetto 11 novembre - Per la prima volta l’agente di polizia Luigi Spaccarotella, accusato dell’omicidio del tifoso laziale Gabriele Sandri, parla della vicenda. "Quel maledetto 11 novembre - racconta - è morta anche una parte di me. Pochi giorni dopo chiesi al vescovo di Arezzo di far arrivare ai Sandri il mio cordoglio. Lui si mise in contatto con persone vicine alla famiglia di Gabriele ma, non so perchè, gli fu risposto che i tempi non erano maturi".

Un colpo accidentale - Spaccarotella ripercorre ancora una volta i fatti: "Correvo - racconta - il colpo è partito accidentalmente, poi è stato deviato. Non ho mirato all’auto: come si può pensare che abbia voluto uccidere qualcuno? Voglio pagare per quel che ho fatto, ma pensare che sia stato un omicidio volontario è troppo". "Rimettermi la divisa, quando sono tornato al lavoro, non è stato facile - aggiunge - non ho più voluto impugnare una pistola, nè salire su un’auto della polizia".

LA RISPOSTA DI CRISTIANO SANDRI (fratello di Gabriele) - «Il perdono? È tardi. La richiesta arriva con una tempistica processuale ineccepibile, che fa sorgere qualche perplessità. Non suona come vera». È il commento di Cristiano Sandri, fratello di Gabriele, il tifoso ucciso l'11 novembre del 2007, alla richiesta di perdono avanzata da Luigi Spaccarotella, l'agente di polizia accusato dell'omicidio. «Incontrarlo? - risponde Cristiano -. Non lo so, non ne abbiamo mai parlato. Ma sarebbe difficile. In dieci mesi non l'abbiamo mai sentito. Nè direttamente nè attraverso altre persone abbiamo mai ricevuto suoi messaggi. Un conto sarebbe stato incontrarlo subito, ma che la sua richiesta e le scuse arrivino a processo iniziato appare fuori luogo». «È una mossa un po' tardiva - aggiunge l'avvocato dalla famiglia Sandri, Michele Monaco - E poi, dicendo che il colpo è partito accidentalmente, Spaccarotella nega l'evidenza. Ci sono prove, testimoni, che dimostrano il contrario».

GIUSTIZIA per GABRIELE!!

H ha detto...

MAX...domenica mettiamoci fuori lo stadio enon facciamo entrare nessuno..!!

DISERTA DISERTA E DISERTA.!

FUORI DAL CORO FUORI DAL PINTO!

SPARACO VATTENE!

messinese ha detto...

DISERZIONE AD OLTRANZA!
Messina Puteolana (3 a 0) presenti 68 spettatori paganti per 340 euro di incasso.
TIENI DURO CASERTA! Saluti ultras da Messina.

rossoblu' ha detto...

Purtroppo a Caserta ci sono solo i crips a portare avanti il discorso "diserzione"...gli altri gruppi(o quello che ne rimane)si mantengono ambigui, con comunicati in cui si parla di lasciare la liberta' di entrare o meno...Ma x favore, o dentro o fuori! Solo a Caserta si vedono certe sconcezze...

M.P. sancarlino neoborbonico ha detto...

Noi disertiamo perche' amiamo troppo questi colori infangati da troppo tempo, quello che fanno gli altri ci puo' interessare fino ad un certo punto poi....comunque abbiamo gia ribadito che gradiremmo cortesemente che i vostri messaggi siano firmati.
LA VOSTRA ECCELLENZA LA NOSTRA DISERZIONE
CRIPS 1988 CASERTANITA' MILITANTE

Anonimo ha detto...

un saluto a MAX fondatore degli ultra' Venafro....oggi autorita' della REGIONE MOLISE.
sei un mito!